Giorno 72. Una settimana da…paura!

Il pomeriggio che precede l’inizio di una nuova avventura – tanto desiderata, sognata, che sembrava inaccessibile e che infine si è realizzata – è un momento pervaso di inquietudine. Ho sempre la sensazione di non avere vissuto in maniera davvero piena le settimane prima del grande momento, di non avere fatto abbastanza – avrei potuto leggere di più, avrei dovuto scrivere di più – e mi rimane un retrogusto di rimpianto e nostalgia perché so che questi giorni non torneranno più e che tutto quello che vivrò nei prossimi otto mesi sarà irripetibile. Ho sempre l’ansia di fissare ogni emozione dei momenti che si vivono una volta sola nella vita, con la disastrosa conseguenza di essere tesa come una corda di violino, senza nemmeno un Vivaldi che mi suoni.

È arrivato il momento di preparare quaderno, penne e libri per il primo giorno di scuola – la Scuola Holden. Non ero così emozionata nemmeno quando ho iniziato l’università! Erano anni che volevo seguire il corso di scrittura Over30 a Torino, ma non me lo sono mai potuta permettere. Tutto il gran lavoro dell’anno scorso a Modena ha dato almeno un frutto positivo: ho messo da parte i soldi per l’iscrizione e così non solo ho potuto raggiungere questo obiettivo, ma l’ho fatto con le mie forze, senza chiedere a nessuno e senza regali. Per me, che perseguo l’ideale dell’indipendenza assoluta, è una soddisfazione.

Come ogni scolaretta che si rispetti ho acquistato uno zaino nuovo da portare con me in questa avventura: quello di Miomojo, un marchio che ho conosciuto quest’estate e che mi ha colpito perché utilizza materiali interamente vegani.

mde

Ho immortalato la Virna insieme ai miei compagni di viaggio: volevo presentarli alla mia principessa, dato che mentre io sarò impegnata a Torino, lei sarà a casa insieme ai nonni – per la loro gioia, perché l’adorano.
Anche per la Virna è una settimana cruciale: deve affrontare il cambio della pappa, che è un momento delicatissimo. Se tutto va come dovrebbe, illustrerò le meraviglie di questo nuovo cibo, che ha tutte le caratteristiche per essere ottimo. Spero che la Virna apprezzi: a forza di guardare programmi di cucina, mi è diventata un palato esigente…mi sa che dovrò chiamare Cracco in persona a cucinarle qualche piatto raffinato.

Questo martedì pomeriggio, però, non precede l’inizio della Holden, ma di due giorni lavorativi snervanti. Fino a qualche mese fa ero contenta di fare questo mestiere e l’avrei vissuto con il consueto entusiasmo. Quando una storia si esaurisce, però, lo si avverte chiaramente: la mia storia in questi panni è finita, senza possibilità di sequel, perciò affronto questi due giorni con spirito greve.

Con questo post vi saluto e vi do appuntamento alla prossima settimana con gli aggiornamenti del blog, quando Vi&Va torneranno a vivere insieme le loro avventure.

It’s all so Grey!

Vi&Va

E ora qualche foto di backstage!

mde

La foto è venuta male, ma mi piace moltissimo perché sono riuscita a immortalare la Virna mentre cerca di darmi un bacio! 

mde

Backstage dello shooting per riuscire a scattare una foto decente: da notare l’espressione da modella annoiata, roba che Naomi in confronto è una dilettante. 

Annunci

#EventiVeltrici Gran Corteo medievale con i levrieri

Messeri et pulzelle, lo popolo veltrico s’è adunato per sfilare a lo Gran Corteo di Signori et Dame…et veltrica nobiltà.
La rievocazione storica di Lomazzo (CO) è stata impreziosita dalla presenza dei cani che appartenevano alla nobiltà: i levrieri. Noi adottanti del GACI (Greyhound Adopt Center Italy) abbiamo trascorso la giornata a parlare dei nostri meravigliosi compagni, ma questa volta non abbiamo avuto soltanto il nostro stand informativo e di raccolta fondi, ma abbiamo anche sfilato per le vie del centro storico, ovviamente in perfetta tenuta medievale!
L’autunno ci ha regalato una giornata calorosa non solo per il sole ancora estivo (non vi dico il caldo!), ma per la generosità e l’affetto con cui la gente si è avvicinata ai nostri levrieri. E c’è anche qualcuno che sta pensando di diventare protagonista di una nuova adozione!
Qui sotto potete ammirare le foto del corteo: non vi sembra che i levrieri siano perfettamente a loro agio nel contesto?

IMG_20170925_160615IMG_20170925_160647IMG_20170925_160205IMG_20170925_160745IMG_20170925_161426IMG_20170925_161118IMG_20170925_161048IMG_20170925_161341IMG_20170925_161316IMG_20170925_161251IMG_20170925_160339IMG_20170925_160417IMG_20170925_160447IMG_20170925_160513IMG_20170925_161145IMG_20170925_161220IMG_20170925_160251IMG_20170925_161004IMG_20170925_160925IMG_20170925_160824#1Un grandissimo ringraziamento a tutti gli adottanti che sono intervenuti: Lilian, Carlotta e Massimo, Franco ed Eugenia, Gianfranco, Clara e Massimo, Andrea e Ylenia, Nicole e Jean.
Grazie a tutti gli amici che sono passati a trovarci allo stand.
E, last but not least, grazie ai fotografi: Franco e Ayana.
Speriamo, l’anno prossimo, di salutare anche qualche lettore.

It’s all so Grey!

Vi&Va

Giorno 66. Arrivederci a settembre! 

La sensazione di sentirmi piccola piccola, sovrastata dall’altezza dei fusti, non la scorderò mai. Tale rimane ancora per me oggi il frumento: qualcosa che mi fa sentire piccola. 

Dal campo di frumento altissimo, che ogni giorno osserva le nostre passeggiate al parco, ci congediamo salutandovi con il sorriso di chi parte per inaugurare il proprio periodo di festa e di vuoto. Partiamo con tanta voglia di sospendere il tempo, chiuderci la porta di questo ultimo anno alle spalle e ricaricare le energie per affrontare una nuova fase della nostra vita. Ci attendono nuove sfide e tante avventure: abbiamo una vita meravigliosa che ci aspetta e non lasceremo per strada neanche un’emozione. 

Parto senza orpelli, accompagnata soltanto dai miei libri, fedeli compagni di viaggio: lascerò riposare computer e tablet, anche loro hanno bisogno di staccare la spina per un po’. Ci ritroveremo a settembre sul blog e sui social. 

Tanti saluti a tutti,
Vi&Va.