Giorno 70. Gusti musicali.

Oggi ho iniziato un nuovo taccuino, rigorosamente Moleskine: sul colore, invece, sono molto meno rigorosa e questa volta ha vinto il rosso della limited edition di Thelonius Monk.

IMG_20170816_082923_682.jpg

L’avevo acquistato a luglio, in preda a un momento di nostalgia rabbiosa: ricorreva il decimo anniversario della mia rovina sentimentale e l’ominide che l’ha provocata era nientepopodimeno che un musicista e non uno di quelli che fanno le prove il venerdì sera nel garage degli amici. No, lui era un Musicista vero: quando l’ho conosciuto suonava musica dodecafonica, una roba che io avevo sentito nominare soltanto perché all’università ho dato un esame di Storia della Musica.
Da brava femminuccia, che quando si innamora si interessa a tutto ciò che interessa a lui nell’assurda illusione di poterlo conoscere meglio, capire meglio, quando lo frequentavo ascoltavo il jazz. Non ho mai capito un tubo di musica, e nemmeno dei musicisti (tranne che è meglio starne alla larghissima), però dovevo darmi un tono, mica potevo stare insieme a uno che faceva improvvisazione jazz e ascoltare Madonna.

La rievocazione storica è terminata, ma il taccuino è rimasto lì e oggi è arrivato il momento di aprirlo. Mi sembrava poi doveroso mettere su una bella playlist di jazz e riesumare il cd che avevo fatto all’epoca (Spotify non esisteva ancora).
Ormai ho aperto il chakra della rabbia repressa (sul perdono, invece, ci vorrebbe un seminario intensivo con il Dalai Lama e credo che non ce la farebbe nemmeno lui a farmi evolvere dal desiderio di vedere la faccia del Musicista spiaccicata sotto il metrò) e mi sono ricordata che un bel sottofondo jazz favorisce la creatività e l’allegria.
Sembra avere apprezzato anche la Virna, che sta dormendo da ore sul divano (ormai lo avete capito…). Come la sua padrona, che passa da Rihanna a Chopin con una disinvoltura da schizofrenica, la Virna passa da Vasco a Miles Davis senza battere ciglio: infatti per non sbagliare dorme sempre!
Se un levriero dorme, è un buon segno: significa che si sta rilassando e che apprezza l’ambiente che la circonda. Adesso so che cosa ascoltare per riempire l’atmosfera senza disturbare il suo sonno.

It’s all so Grey…and all that jazz!!!

Vi&Va

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...