Giorno 12. Superpoteri contro il caldo

Datemi una C! Datemi una A! Datemi una L! Datemi una D! Datemi una O! Fa C-A-L-D-O!!!
Mentre i meteorologi si dilettano in occupazioni adamitiche, cercando nomi agli anticicloni, noi abbiamo il fiato sempre più corto, sudiamo anche dove non pensavamo di avere pori e beviamo tutto quello che abbia una temperatura inferiore ai 10 gradi. E ascoltiamo l’ansimare dei nostri cani. Virna arriva dall’Irlanda, dove in questi giorni ci sono esattamente la metà dei gradi centigradi che dobbiamo sopportare qui. Come tutti i greyhound soffre il caldo in maniera particolare: pelo raso, pelle sottile, assenza di grasso sono tutte caratteristiche che permettono ai levrieri di non produrre il classico “odore di cane”, ma hanno lo svantaggio di non fornire al corpo alcun isolamento termico. I levrieri, poi, hanno il cuore molto più grande rispetto agli altri cani e il rischio di una crisi cardiaca dovuta al caldo è reale.
Come fare per non privare la mia nasona del piacere delle passeggiate al parco (dove l’umidità che si sviluppa sotto gli alberi è pari solo a quella della Malesia nel periodo dei monsoni, ma almeno non cammini sotto il sole e sull’asfalto)?
Ecco i nostri superpoteri.

Salviette alla citronella: nonostante tutte le precauzioni antiparassitarie che abbiamo adottato, le zanzare alle 7 di sera fanno l’aperitivo con sangue, una foglia di menta e tanto ghiaccio. La citronella, invece, proprio non riescono ad apprezzarla e così è molto utile una passata sul pelo con queste salviette (io uso quelle della Bayer). A proposito di antiparassitari: potete aggiungere alla pappa il fieno greco, rimedio naturale efficace anche a questo scopo. Borraccia di acqua: serve più alle piante che a Virna, che si gira dall’altra parte con aria anche un po’ schifata. I liquidi non le mancano perché ne assume molti con la dieta, ma per rendere più appetibile l’acqua semplice aggiungo un cucchiaino di miele (anche se è dolce fa bene alla salute e non altera i valori glicemici).
Spruzzino e pezza bagnata: Virna scappa di fronte all’acqua come il più infastidito dei gatti. Spruzzarle qualche goccia di acqua addosso è una grave offesa alla sua regale compostezza, ma devo pur bagnarla per evitare di fare un barbecue sul suo dorso! Le bagno con una pezza la schiena per abbassare la temperatura, ma i punti fondamentali da rinfrescare sono nuca, sottopancia, interno coscia e zona dell’ano. Al rientro a casa le lascio sulla pancia la pezza bagnata con acqua fresca, ma non fredda: un sistema per abbassare velocemente, ma non bruscamente, la temperatura.
E adesso tutti al parco!

Vi&Va

* per sapere tutto sui rimedi contro il caldo leggete l’articolo della Dott.ssa Silvia Cattani, la nostra vet: http://discoverydog.it/articoli/medicina-generale/item/1282-arriva-il-caldo-come-comportarsi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...