Giorno 5. Rami secchi

Si dice che le persone vadano e vengano nelle nostre vite e forse dovremmo abituarci a pensare che sono destinate ad accompagnarci per il periodo in cui la loro presenza è necessaria. Ma è così assurdo aspettarsi che alcuni rapporti durino più della moda delle scarpe a punta?È evidente che sì, è proprio assurdo. Almeno nella mia vita. Nel settore delle relazioni sentimentali gli affari non hanno mai funzionato: diciamo che non era un target a cui potessi aspirare e pertanto non sono mai arrivata nemmeno allo stadio dell’ufficialità del rapporto. Al contrario, ho sempre creduto molto nell’amicizia, ma una rosa, quando perde un petalo dopo l’altro fino a rimanerne priva, non può più chiamarsi rosa. Che Shakespeare se ne faccia una ragione.  

Il problema di quando un rapporto si esaurisce non è gestirne la fine, ma quello che avviene dopo: nuove fidanzate fatte entrare in letti ancora caldi e che godranno di tutti i benefici lasciati dalla restauratrice piantata in asso (la crocerossina non va più di moda: è l’era di “quella che aggiusta i cocci rotti da quella prima e che consegna l’uomo perfetto nelle mani di quella dopo”, che solitamente l’uomo incontra casualmente entro la successa fase lunare); messaggi mandati su whatsapp invece che parlare di persona, vis-à-vis, come persone adulte; post su Instagram con una vecchia foto insieme e un testo che insinua che la colpa della fine del rapporto sia tua. Insomma, se è difficile lasciarsi con stile, proseguire la propria vita con eleganza è impossibile

Mi sono sempre chiesta quale sia la bilancia su cui si pesano le responsabilità quando le cose con un ragazzo o con un’amica non finiscono come ci si aspettava: vince il piatto che pesa di meno? Eppure 25 grammi bastano per perdere tutto: la legittimità del proprio grido di dolore, chi si ama, il proprio cuore. Le responsabilità si dividono in due, non in parti uguali: nessuno ha mai pieno diritto di recitare la parte della vittima, nessuno merita di portare da solo la lettera scarlatta del tradimento. Un pizzico di correttezza, invece, è doverosa – anche dopo la fine di un rapporto – soprattutto da chi si comporta come se il proprio cuore fosse più leggero di una piuma.  

  

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...